Essere una “Famiglia Arcobaleno”. A Vimodrone, riconosciute due mamme nello stesso nucleo

Italia – Spagna – Italia (Vimodrone). Ne hanno fatta di strada le signore Giupponi e Cardillo per diventare una famiglia. Dai colori dell’arcobaleno e con due mamme. Marzia, 31 anni, e Angela, 34, si sono trovate ieri negli uffici del Comune di Vimodrone, alla presenza del Sindaco Dario Veneroni e dell’Assessore alle politiche sociali, famiglia e pari opportunità Maria Anna Vannucchi, per ufficializzare la genitorialità della “mamma numero due”.

Marzia Giupponi è stata infatti riconosciuta come madre sull’atto di nascita dei due gemelli nati dalla madre biologica Simona Angela Cardillo. Per i gemellini sono stai scelti nomi Laura e Alessandro.

«Il 13 gennaio 2017 – spiega Angela a il Giorno- ci siamo unite civilmente ed abbiamo effettuato diversi tentativi di fecondazione assistita. Finalmente a maggio, in Spagna, è stata la volta buona: quando a casa abbiamo fatto il test di gravidanza ed ha dato esito positivo è esplosa la nostra gioia, culminata con la nascita il 15 gennaio di quest’anno. Ora siamo come tutte le famiglie. A livello locale, a Vimodrone, abbiamo trovato in primis delle persone. A livello nazionale però serve più tutela: parliamo di diritti, a farne le spese sono i bambini».

“Ci vuole coraggio – prosegue Marzia rivolgendo un ringraziamento particolare all’Associazione Famiglie Arcobaleno, che le ha accompagnate nel cammino – ed alcuni non l’hanno o non riescono ancora a trovarlo (…) Ma si finisce comunque con lo scontrarsi coi pregiudizi».

Chiude l’atto l’Assessore Vannucchi: «Bisogna andare incontro a un mondo che cambia in questa direzione. Queste famiglie esistono e bisogna dare loro dignità e sicurezza. Sarà anche banale, ma ciò che conta è l’amore. Ci aspetta un lungo percorso, va creato un panorama sociale che altrimenti resterebbe latente, nascosto e ghettizzato».

La legge sulle unioni civili ha fatto un enorme passo avanti per il riconoscimento sociale delle famiglie gay ed una giurisprudenza ormai costante su filiazione e adozione nelle coppie dello stesso sesso sta segnando la strada del pieno riconoscimento dei diritti dei bambini nati in famiglie omogenitoriali.

Ora per la famiglia Giupponi-Cardillo non resta che godersi i propri spazi e procedere nella direzione intrapresa, quella della tipica programmazione delle attività destinate alle famiglie con bambini piccoli: le prime vacanze in quattro,  l’inserimento all’asilo nido, ed il battesimo dei gemelli Laura ed Alessandro.

Katia Ardemagni

Foto:  Pagina FB Comune di Vimodrone



GDPR COOKIE POLICY: Per poter gestire al meglio la tua navigazione su questo sito verranno temporaneamente memorizzate alcune informazioni in piccoli file di testo denominati cookie. È molto importante che tu sia informato e che accetti la politica sulla privacy e sui cookie di questo sito Web. Per ulteriori informazioni, leggi la nostra politica sulla privacy e sui cookie. OK, Accetta Informazioni