Fondazione A presenta “Fuoco alla guerra”: velocità, comicità, ironia e una punta di noir

Martedì 13 novembre alle 21.00, presso il cineteatro Agorà in via Marcelline a Cernusco sul Naviglio, si terrà lo spettacolo “Fuoco alla guerra” organizzato da Fondazione A in collaborazione con l’Amministrazione comunale e l’Associazione A.I.D.A. (Associazione Insegnanti Danza Accademia diplomati presso il Teatro della Scala). Si tratta di uno spettacolo di danza, canto e recitazione con la regia e coreografie di Fabrizio Manachini, con protagonisti giovani dai 12 ai 18 anni vincitori di una borsa di studio della Fondazione A per l’anno 2017-2018.

“Fuoco alla guerra” – spiega il regista Fabrizio Manachini –  è uno spettacolo in un atto, di tecniche miste dove danza classica, danza moderna, canto, recitazione e musica dal vivo sinergicamente cercheranno di affascinare chi di teatro non ne vuol sentire parlare. Non ha nulla a che vedere con un musical perché non è etichettabile in nessuna categoria specifica. Il messaggio è molto semplice: quando le persone passano attraverso la devastante esperienza della guerra, una volta finita, se si sono persi figli, mariti, mogli, amici o altri affetti, che importanza potrà mai avere essere dalla parte dei vincitori o dei vinti”.
Lo spettacolo si apre con una grande scena dedicata al potere distruttivo del fuoco. Seguono come dei proiettili, in “inversione della scena”, coreografie dove si susseguono a ritmo molto sostenuto: la velocità, la comicità e l’ironia con qualche punta di noir. Poi uno “scontro” fra opera e balletto che si sintetizza in “come essere nel posto sbagliato al momento sbagliato” con un “plagio” di eccellenza: Chopin che copia Mozart!… poi un pianista. A seguire una breve incursione nella fama, con uno dei personaggi più famosi al mondo: Marylin Monroe. Un finto intervallo con pecore (ovviamente finte!), monumenti e ballerini e poi.. poi si piomba nel nero: “Nero Guerra” che avvolge e stravolge l’umanità di chi si trova coinvolto. Tutti i personaggi che sono apparsi prima vi si trovano coinvolti, nero cattiveria, nero perfidia, per poi sprofondare nel male di un campo di concentramento… il bambino con il pigiama a righe.

 

INGRESSO LIBERO


ADS

GDPR COOKIE POLICY: Per poter gestire al meglio la tua navigazione su questo sito verranno temporaneamente memorizzate alcune informazioni in piccoli file di testo denominati cookie. È molto importante che tu sia informato e che accetti la politica sulla privacy e sui cookie di questo sito Web. Per ulteriori informazioni, leggi la nostra politica sulla privacy e sui cookie. OK, Accetta Informazioni