Influenza 2019, come riconoscere i sintomi e limitare i danni

Sono oltre 320mila gli italiani che hanno cominciato il 2019 con l’influenza, portando a un milione e 800 mila il totale delle persone colpite dall’inizio dell’epidemia (dati Influnet).  Ma a quanto pare il peggio deve ancora arrivare se consideriamo che il picco è previsto per la fine di gennaio. Le cause della diffusione sono sicuramente da addebitarsi in buona parte al meteo. I più colpiti, come sempre, bambini e anziani, ma anche un buon numero di persone in età lavorativa. Attraverso una rete di medici sentinella, l’Istituto superiore della Sanità, ne sta valutando l’andamento. Tra i sintomi accusati: febbre alta, tosse, dolori articolari, senso di spossatezza, stipsi  e inappetenza.  Consigliati i rimedi “della nonna”: stare a riposo al caldo e bere molta acqua, in caso di necessità, assumere paracetamolo o ibuprofene, sia per abbassare la febbre sia per alleviare i dolori. Generalmente si guarisce nel giro di una settimana, ma potrebbero insorgere anche delle complicanze che non vanno sottovalutate soprattutto nelle categorie più a rischio (bambini, anziani e persone sottoposte a terapie che abbassano le difese immunitarie). Tra le più comuni quelle a carico dell’apparato respiratorio come bronchiti o polmoniti. Altre complicanze potrebbero insorgere a carico del sistema cardiocircolatorio (miocarditi), di naso, orecchie e gola (otiti, sinusiti, faringiti o laringiti) o anche del sistema nervoso. Cosa fare per sfuggire al contagio? Ovviamente evitare il più possibile il contatto diretto con persone malate o indossare una mascherina, stare alla larga da luoghi affollati, lavarsi spesso le mani soprattutto se si utilizzano mezzi pubblici e, in questi casi, evitare il contatto con occhi, naso o bocca.

Fonte: web



ADS

GDPR COOKIE POLICY: Per poter gestire al meglio la tua navigazione su questo sito verranno temporaneamente memorizzate alcune informazioni in piccoli file di testo denominati cookie. È molto importante che tu sia informato e che accetti la politica sulla privacy e sui cookie di questo sito Web. Per ulteriori informazioni, leggi la nostra politica sulla privacy e sui cookie. OK, Accetta Informazioni