I libri prendono vita! La Mostra del Libro della scuola A. Manzoni è proprio una bella storia

Un progetto davvero di pregio quello della 21aedizione della Mostra del libro della Scuola Primaria Manzoni di Cernusco sul Naviglio, tenutasi dal  27 al  30 marzo 2017 in collaborazione con la fornitissima libreria del centro storico La Bottega del Libro,  che ha messo a disposizione i libri per l’esposizione e l’acquisto –  con argomenti per grandi e piccini –  e per la prima volta quest’anno anche sul tema della Martesana,  per trasmettere anche ai bambini cultura e tradizioni delle nostre zone.

Della Valentini Edizioni sono stati proposti due testi particolari e innovativi, in quanto prevedono l’utilizzo della Realtà Aumentata: una tecnologia recente con cui, scaricando un’App, è possibile animare alcuni momenti della lettura, al fine di avvicinare ulteriormente i giovani al mondo dei libri attraverso il gioco e la musica.

Scopo della mostra: promuovere la lettura tra gli studenti attraverso l’assegnazione di compiti individuati opportunamente dalla Commissione e auto-finanziare il rinnovo dei libri della biblioteca scolastica che lo scorso anno è stata rinnovata, acquisendo così una connotazione fortemente emozionale e invitante per gli studenti.

La referente dei progetti di promozione alla lettura di quest’anno – l’insegnante Giuseppina Di Maggio– con il valido supporto dei colleghi, ha voluto creare un ambiente poetico e al contempo dinamico, coinvolgente e interattivo, per stabilire un vero e proprio scambio tra il mondo-scuola e gli avventori, peraltro numerosissimi, tra cui il Sindaco Eugenio Comincini, che si è complimentato con entusiasmo.

La sala della scuola – multifunzionale –   dove si è svolta la Mostra è stata dunque allestita per poter accogliere tutti gli ospiti, e creare in loro sentimenti di sorpresa.

Oltre agli stand di esposizione dei libri, infatti, l’evento si è sviluppato attraverso un percorso creativo carico di significato, scandito dai lavori tematici degli alunni delle cinque classi elementari: ogni sezione ha lavorato sulla base di un particolare testo di lettura, analizzandolo ed elaborandolo a seconda della propria percezione e sensibilità. I libri, da oggetti d’obbligo impersonali e distanti, sono diventati soggetti con un’anima e una ragione di esistere morale ed etica; sono emersi i valori in essi contenuti, come la bontà, le generosità, l’impegno, la resilienza, le similitudini tra le diversità, lo scambio: nelle mani degli alunni i libri hanno preso vita.

 

In ogni classe, nel corso di mesi, i testi sono stati letti, discussi, usati, manipolati, destrutturati, vissuti e trasformati in idee nuove ed alternative. Nella scuola si è creato, così, un vero “circolo virtuoso” tra alunni e insegnanti, uniti in un’esperienza formativa forte, animata da passione e obiettivi comuni.

Gli “artisti in erba”, nel rispetto dei contenuti e con il massimo slancio creativo (guidato e favorito dalle rispettive insegnanti, grazie al loro metodo didattico assolutamente favorevole alla naturale propensione e capacità espressiva dei bambini) hanno trasposto dunque le varie vicende narrate con metodi vari:  disegni, dipinti, album materici, video – performance interpretate da sculture viventi, collage e scrittura creativa, come il caviardage, ovvero la tecnica con cui trovare, all’intero di un testo, una poesia nascosta evidenziando alcune parole e oscurandone delle altre che non servono, ottenendo così un componimento dal significato nuovo.

Una suggestiva e coloratissima tenda-circo, inoltre, è stata installata nella sala per invitare a leggere al suo interno, cercando così di creare emozioni e invitare il pubblico, sia giovane sia adulto, a un legame concreto e profondo con i libri.

La scuola Manzoni e la Referente Giuseppina Di Maggio credono fortemente nel valore degli spazi intesi come luoghi significativi per l’apprendimento, sostenendo che per essere tali debbano necessariamente rappresentare un equilibrio di emozioni, estetica e musicalità. Sempre della Di Maggio infatti il coordinamento del recente rinnovo delle la Biblioteca scolastica, dipinta e decorata dall’artista Eltilf Pepp con immagini antropomorfe e zoomorfe primordiali dai colori primari, a rappresentare l’essenza stessa della cultura e della conoscenza.

Grandi complimenti dunque alla Scuola Manzoni, al suo corpo Docenti e ai lodevoli alunni per aver dato voce e corpo ai libri, la cui importanza si riassume perfettamente in queste parole dello scrittore Christopher Morley: “Quando si vende un libro a una persona, non gli si vendono soltanto dodici once di carta, con inchiostro e colla, gli si vende un’intera nuova vita. Amore, amicizia, e navi in mare di notte; c’è tutto il cielo e la terra in un libro, in un vero libro.

Questi i testi e i relativi autori, parte del progetto:
Il Circo delle nuvole, Gek Tessaro; Testa in su, testa in giù, Marie-Louise Fitzpatrick; Il filo rosso, Anne-Gaelle Balpe, Eve Tharlet; L’aggiustacuori, Arturo Abad,
Emozioni. Dentro il mio cuore e nella mia testa, Richard Jones e Libby Walden

Testi e foto: Katia Ardemagni