Sei mesi in “corsa”, il bilancio di Zacchetti

“Questi sei mesi sono volati, e lo dico in senso assolutamente positivo”: così Ermanno Zacchetti sintetizza il suo primo semestre da sindaco di Cernusco, in un incontro natalizio organizzato per la stampa locale. “Abbiamo lavorato tanto, grazie anche a una giunta entusiasta e proattiva. Questi mesi ci sono serviti per concludere alcune questioni lasciate aperte dalla precedente amministrazione, ma anche per prendere le misure in modo corretto. Adesso siamo pronti per affrontare il 2018 portando quelle migliorie anticipate dalla campagna Bella Cernusco” aggiunge Zacchetti.

Tra le prossime mosse, c’è la candidatura ufficiale di Cernusco sul Naviglio a Città Europea dello Sport 2020. “La pratica deve essere presentata entro il 31 marzo prossimo” spiega Zacchetti. “In caso di vittoria, si tratterebbe di un’occasione preziosa per la nostra città, con ricadute positive per l’intera comunità. Il concetto di Città dello Sport ha infatti un riverbero importante su tutti gli ambiti della vita sana, dall’attività fisica all’alimentazione, dalla scuola alla tutela dell’ambiente”.

In primo piano c’è poi la riqualificazione delle aree sportive e ricreative di Cernusco. “Si partirà con la risistemazione dei campi da calcio del centro sportivo di via Boccaccio e con il nuovo impianto di illuminazione dello stadio Scirea. Per questo secondo invervento abbiamo previsto uno stanziamento di circa 120 mila euro: sarà un sistema a basso inquinamento luminoso, di cui beneficerà anche il vicino Osservatorio Astronomico, che non verrà ‘abbagliato’ da un eccesso di luce. Nel futuro, vorremmo creare un impianto polisportivo in quella che attualmente è l’area feste sempre in via Boccaccio e procedere alla sistemazione del campo da rugby in via Buonarroti” racconta il sindaco. “Tra gli obiettivi di queste operazioni c’è quello di dotare la zona intorno al nuovo polo scolastico di via Goldoni di strutture sportive e ricreative all’altezza, dato che è un’area della città che è particolarmente cresciuta sotto il profilo demografico. E quindi servono nuovi servizi”.

La scuola è un altro tema in cima alle priorità dell’amministrazione cernuschese. “Stiamo studiando le migliori soluzioni per il plesso di via Manzoni, che verrà ristrutturato tenendo conto della possibilità di utilizzare gli spazi lasciati liberi – 16 aule – derivanti dall’inaugurazione del nuovo polo scolastico. Stiamo valutando quali siano le reali esigenze di insegnanti e studenti per soddisfarle nel modo più consono”.

Infine, un pezzo importante della storia di Cernusco dopo tanto, troppo tempo verrà restituito alla città: “Come tutti hanno avuto modo di vedere, Villa Alari è sottoposta a lavori di ristrutturazione. Il parco verrà resto accessibile e le opere, programmate per step, dovrebbero terminare alla fine del prossimo anno”.