31 dicembre 2018 termine ultimo per l’estinzione dei libretti al portatore

Il decreto legislativo 90/2017, adottato il 25 maggio 2017 sull’attuazione della direttiva UE 2015/849 sulla prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo, ha eliminato i libretti al portatore. Banche ed uffici postali, dal luglio 2017 quindi non sono più autorizzati ad emetterli. Quello che molti non sanno è che, dal 1 gennaio 2019, i libretti non estinti entro il 31 dicembre 2018 comporteranno per il loro intestatari, una sanzione che varia dai 250 ai 500 euro, oltre ad una penalità tra il 10 e il 40% dell’importo depositato sul libretto in questione. Ma come fare? Bisogna innanzi tutto rivolgersi al proprio istituto bancario o ad un ufficio postale a seconda che il libretto al portatore sia stato emesso da uno o dall’altro ente, il quale potrà proporre al cliente tre opzioni:

  • convertirlo in un libretto nominativo;
  • trasferire i soldi depositati in un conto corrente;
  • richiedere indietro la somma in contanti.

Dopo il 31 dicembre 2018, quindi, i libretti al portatore saranno inutilizzabili, si legge su una nota del Ministero dell’Economia e delle Finanze.  Banche e Poste italiane non potranno dar seguito a richieste di movimentazioni sui suddetti libretti e, fermo restando l’obbligo di liquidazione del libretto a favore del portatore, saranno obbligate a effettuare una comunicazione al ministero dell’Economia e delle finanze, che applicherà al portatore “fuori tempo massimo” la sanzione amministrativa.

Per saperne di più: https://goo.gl/T21nXnhttps://goo.gl/BMKZk2

 



ADS

GDPR COOKIE POLICY: Per poter gestire al meglio la tua navigazione su questo sito verranno temporaneamente memorizzate alcune informazioni in piccoli file di testo denominati cookie. È molto importante che tu sia informato e che accetti la politica sulla privacy e sui cookie di questo sito Web. Per ulteriori informazioni, leggi la nostra politica sulla privacy e sui cookie. OK, Accetta Informazioni